Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Il Sogno Americano: The Brain Activity Map Project”


 

(foto fonte web)

(foto fonte web)

Mentre l’Italia si concentra sulle elezioni imminenti, l’America non perde tempo e sceglie di investire, nonostante i tempi di crisi finanziaria, su un nuovo progetto della durata decennale con un obiettivo estremamente importante: mappare il cervello per capire fino in fondo come funzioni questa straordinaria macchina.

Non è la prima volta che gli Stati Uniti investono in progetti dai grandi obiettivi, era il 1990 quando il Dipartimento dell’Energia e l’Istituto Nazionale Sanitario (National Institutes of Health) americano annunciarono la notizia del progetto Genoma, il quale come recita il suo nome, aveva l’obiettivo di sequenziare completamente il genoma umano, grazie all’attività di ricerca di un consorzio di genetisti non solo americani, ma anche del Regno Unito, della Francia, Germania, Cina, India e Giappone.

Il progetto si concluse il 26 giugno del 2000, quando l’attuale Presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, annunciò il completo sequenziamento del genoma umano, con l’identificazione di ben 30.000 geni, con un costo di tre miliardi dollari, che vennero definitivamente pubblicati nel Maggio 2006 sulla nota rivista scientifica Nature.

Pochi giorni fa in un comunicato non ancora ufficiale, l’attuale Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha lanciato la sfida del “Brain Activity Map Project”, dove un team di neuro scienziati con competenze notevoli nel mondo delle neuroscienze, verrà affiancato da istituzioni private ed agenzie pubbliche, per acquisire la mappa completa dei milioni di neuroni che compongono il cervello e ne determinano il funzionamento, con la promessa ancora più grande di riuscire ad identificare strategie di cura sia per le malattie neurodegenerative quali l’Alzheimer ed il Parkinson, sia per disturbi che coinvolgono bambini ed adolescenti, quali l’autismo e la schizofrenia.


Obama si è sempre proclamato a favore delle idee innovative, citando tra l’altro dei settori particolarmente promettenti come quello dell’optogenetica, per cui in tanti scommettono sul fatto che non ci sia nulla di più coinvolgente in questa fase di ripresa dell’economia americana, di investire in un settore che è in continua evoluzione come quello delle neuroscienze, come dimostra ulteriormente la realizzazione da parte della Columbia University in collaborazione con Renzo Piano, di un campus interamente dedicato al premio Nobel Erik Kandel.

Il progetto sembra essere stimato con un costo di 300 milioni l’anno per un totale di 3 miliardi nei dieci anni, dove si integreranno diversi aspetti sia di mappatura cerebrale che di funzionamento delle reti neurali, per identificare strategie che rigenerino neuroni e tessuti.

Non tutti si dicono però a favore di questa idea, come è noto in tempi di crisi il governo americano sembra voler fare un passo indietro, nonostante Obama ricordi come il Progetto Genoma abbia fruttato milioni di soldi all’economia americana, inoltre sembri che alcuni scienziati considerino l’obiettivo diretto di mappare il cervello come una scelta non particolarmente mirata, ma che sia di gran lunga auspicabile  poter creare un network dove vengano integrati diversi filoni di ricerca sui vari livelli di analisi del funzionamento cerebrale.

In realtà il sogno americano di Obama è già realtà in Europa, dove vari neuroscienziati si stanno prodigando per la realizzazione di un cervello composto da silicio e circuiti integrati, cercando di capire i meccanismi che sono alla base di processi complessi quali la memoria; questa idea continua ad attirare neuroscienziati americani e non solo che stanno promuovendo una fuga di cervelli, in questo caso in direzione opposta.

Dovremmo aspettare ancora la scelta del governo americano, ma sembra che gli Stati Uniti vogliano rendersi competitivi nel settore delle neuroscienze cos’ come l’Europa, per cui ben presto l’idea di Obama potrebbe divenire una realtà concreta.

di Alessia De Felice

Citazioni bibliografiche:

http://www.lastampa.it/2013/02/19/esteri/l-obiettivo-di-obama-mappare-il-cervello-nTCDPGUl35qeseLoCRZLsO/pagina.html;

http://www.repubblica.it/scienze/2013/02/18/news/usa_progetto_obama_mappare_cervello_umano-52927955/;

http://www.humanitasalute.it/tecnologia-e-salute/5894-obama,-un-progetto-per-mappare-il-cervello;

http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Esteri/Obama-lancia-studio-mappare-mente/18-02-2013/1-A_005026912.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *