Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il colore dei soldi


(foto fonte web)

(foto fonte web)

Venticinque anni dopo il ritiro, torna Eddie Felton: mette gli occhi su un ragazzo nato per le nove palle e decide di portarlo in alto, ai vertici. Ma quello non sopporta le catene.

Seguito de “Lo spaccone” (1961, Robert Rossen), uno dei film che contribuirono alla nascita del mito di Paul Newman. Gli anni passano – anche nella realtà: Newman vinse l’Oscar come miglior attore un anno dopo aver ricevuto quello alla carriera – e Eddie lo Svelto non ci vede più tanto bene. Fa il talent-scout, il fiuto ce l’ha ancora.


Il biliardo, uno degli sport più cinematografici che ci siano, esalta la regia di Martin Scorsese, che delizia lo spettatore dal palato fino con una serie di movimenti di macchina che quasi oscurano, in bellezza, i colpi dei due protagonisti. Tecnicamente è ineccepibile: montato da dio (grazie, mrs. Schoonmaker) e commentato quasi in ogni scena da belle musiche anni ’80, che tacciono solo nel finale, ha una sceneggiatura abusata (il rapporto tra il vecchio maestro e l’allievo scalpitante) tenuta ad alti livelli dall’ottimo gioco di squadra dei tre personaggi principali.

Newman precede di un’incollatura Cruise, nell’anno del suo boom (del 1986 è anche “Top Gun”) ma sovente all’altezza del maestro; spicca la verve della rossa Mary Elizabeth Mastrantonio, che si guadagnò una meritata nomination all’Oscar. Ciò nonostante, Scorsese ha fatto di meglio. Da segnalare il dialogo tra il vecchio Eddie, da poco tornato alle gare, e il mediocre avversario che ha appena sconfitto: “Sei stato fortunato”, “Sì, ad incontrarti”.

Martin Scorsese, 1986

Recensione di Giuseppe Pastore

http://cinema-scope.org/2007/04/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>