Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

«Promettere per poi sparire». Le accuse verso Marchionne dei residenti di via Capraia




(foto fonte web)

(foto fonte web)

Parco Tufello: gli abitanti della zona costretti a una colletta per pagare l’Ama. L’Assessore all’Ambiente: «Aspettiamo una mappatura delle aree verdi».

Se in campagna elettorale non erano mancati cibo, bibite e promesse a volontà in ordine crescente, a distanza di poco più di un mese rimane solo lo stupore della gente. Per chi non lo sapesse, di fronte la chiesa di via Capraia sorge il Parco Tufello che, fino a giugno, era un campo incolto e abbandonato a se stesso finché la giunta di centrosinistra non si prese la responsabilità di curare l’area, finora però solo a parole.

Le promesse

Cesare Lucidi di Sel assicurò alla rappresentante dei cittadini di zona, Elena Floccari, che nel caso Marchionne fosse stato eletto, il parco sarebbe stata una delle priorità della nuova giunta.



Molinaro e Floccari, i due rappresentanti della lista civica per Marino sindaco del III Municipio però, non furono eletti e la possibilità di avere un esponente all’interno del nuovo consiglio è venuta meno e con lei la riqualifica del parco. Ma la Floccari non si è arresa e ha tirato su una squadra per rendere il parco accessibile a spese dei residenti attraverso il taglio dell’erba alta.

I residenti hanno vagliato questa soluzione con la speranza che la nuova amministrazione si prendesse l’onere delle spese di trasporto delle piante alla più vicina isola ecologica.

Colletta per la riqualifica

Ma dopo aver fatto passare qualche settimana per permettere alla nuova giunta di non scordarsi degli impegni presi, la Floccari ha dovuto organizzare una colletta con gli abitanti per chiamare l’Ama che ha portato via tutto: «A maggio sono venuti Marchionne, Marino e Zingaretti garantendoci la riqualifica del parco Tufello. “Riattiviamo il Tufello” era lo slogan sulla sede di via Isole Curzolane.

Di tasca nostra abbiamo dovuto pagare per dare un minimo di decoro a quello che, a eccezion fatta per la campagna elettorale, è un quartiere dimenticato. Nell’elenco dei parchi da riqualificare abbiamo notato che tra gli emendamenti non c’è quello del Tufello e allora perché tutti quei festeggiamenti? Per prenderci in giro ancora una volta?».

In qualità di Assessore all’Ambiente, Gianna Le Donne ha dichiarato: «stiamo aspettando la mappatura reale sulle aree verdi per avere un censimento aggiornato. Il parco in questione ha bisogno di essere riqualificato così come quello di piazza degli Euganei. Per adesso non possiamo trattare il caso singolo senza prima esserci documentati».

di Daniele Pellegrino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *