Denise Pipitone, fonte: web

La riapertura del caso della scomparsa di Denise Pipitone accende una nuova speranza nelle indagini. L’ennesima svolta di una storia che ha tenuto tutti con il fiato sospeso e che, dopo tredici lunghi anni, fa ben sperare.
A riaprire il caso, a pochi mesi dall’assoluzione di Jessica Pulizzi, sorellastra della piccola Denise, dall’accusa di sequestro di persona, è una foto che è stata mostrata dalla mamma Piera Maggio durante le puntate del programma televisivo “Chi l’ha visto?”. Si tratta della foto di una ragazzina che risulta particolarmente simile all’immagine realizzata dal RIS di invecchiamento di Denise, che è stata trovata su un sito pedopornografico.

In questi anni sono state sviluppate nuove tecnologie e nuove metodologie che potrebbero aiutare a rilevare il DNA partendo dalle impronte digitali.
Proprio per questo le impronte che tredici anni fa, subito dopo la scomparsa della bambina, sono state rilevate dagli investigatori su varie automobili sono state mandate ai Carabinieri di Messina, in modo da approfondire questa indagine a distanza di anni, con un punto di vista diverso e più approfondito.

La storia

Denise Pipitone è un bambina di 4 anni, di Mazara del Vallo. Il primo settembre del 2004, mentre giocava sotto casa con il suo cuginetto, la bambina è scomparsa nel nulla. In quel momento la mamma Piera Maggio era ad un corso, e i bambini erano affidati alla nonna. Denise è stata cercata ovunque, in tutti gli appartamenti, i garage, nella zona del paese da cui è scomparsa, ma senza nessun esito. La mamma non ha mai perso le speranze e, con questo grande dolore nel cuore, ha continuato a cercare la sua piccola Denise senza mai fermarsi, lottando con immenso coraggio, cosa che continua a fare dopo ben tredici anni. I sospetti sono ricaduti sulla sorellastra di Denise Pipitone, Jessica Pulizzi che, però, dopo anni di indagini, è stata assolta in quanto non sussistono prove a suo carico, se non un grande odio nei confronti della mamma di Denise. Il mistero della scomparsa della bambina non è mai finito. In questi tredici anni sono state tante le segnalazioni che Piera Maggio ha ricevuto, grazie anche al grande sostegno della trasmissione “Chi l’ha visto?” e del suo blog dedicato alla ricerca della piccola Denise. Le speranze, al momento, sono nuovamente accese e speriamo con tutto il cuore che questa bambina, ormai diciassettenne, possa finalmente tornare a casa.

Chiara Nava

Facebook Comments