(foto fonte web)

(foto fonte web)

(foto fonte web)
(foto fonte web)

Dagli antichi miti greci e romani spesso arrivano esempi di brutali punizioni e morti dolorose. Talvolta invece gli dei si rendono protagonisti di azioni misericordiose e perdonano i loro nemici. È questo il caso dei Cercopi e dello sgarbo che fecero a Eracle. Nella mitologia greca il mito dei Cercopi è uno dei più controversi. Le fonti sono spesso discordanti: secondo alcuni i due fratelli sarebbero originari della regione delle Termopili, secondo altri proverrebbero dall’isola di Eubea o da alcune zone dell’Asia Minore.

Ciò su cui sono tutti d’accordo è l’origine del mito. Figli di Teia e Oceano, erano conosciuti come i più scaltri ladri dell’antichità. Conoscendo i propri figli (i cui nomi sono ancora una volta discordanti: Passalo e Acmone, Olo ed Euribato, Sillo e Triballo) la madre aveva cercato di metterli in guardia da personaggi pericolosi. Uno di questi era Eracle (l’Ercole romano) e la frase con cui Tea li avvertì divenne famosa: “Miei cari sederini bianchi, ancora non sapete chi sia il grande sedere nero”.

I due fratelli, ignorato il consiglio materno, approfittarono della prima occasione per tirare un bello scherzetto a Eracle. Mentre l’eroe era impegnato in Lidia al cospetto della regina Onfale i due gli sottrassero le armi. Non contenti del furto, si tramutarono in mosconi e ronzarono intorno al letto di Eracle per prendersi gioco di lui. Svegliatosi adirato, Eracle catturò i Cercopi e li costrinse a tornare alla loro forma umana. Per punizione li appese a testa in giù a una pertica che portava sulle spalle.

(foto fonte web)
(foto fonte web)

Da quella posizione i fratelli si trovarono con la testa all’altezza del fondoschiena dell’eroe, che scoprirono essere nero. La pelle di leone che portava era infatti troppo corta per coprire anche i glutei, che risultavano abbronzati dal sole. Invece che essere spaventati i due fratelli iniziarono a ridere a crepapelle; stupito di ciò Eracle chiese loro la ragione di tanto divertimento e venuto a conoscenza della storia non poté che ridere a sua volta.

La simpatia dei Cercopi risultò contagiosa ed Eracle si convinse a lasciarli andare, risparmiando loro una vita di sofferenze appesi a testa in giù. Inevitabilmente però i due fratelli si cacciarono ancora nei guai: secondo la leggenda cercarono di prendersi gioco di Zeus, il capo degli dei, che per vendicarsi li tramutò in pietre. Con tanta pace per il lieto fine.

di Nicola Guarneri

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.