(foto fonte web)
(foto fonte web)

Nell’ultima uscita de “La Voce” del 18 gennaio 2013, avevo scritto un articolo sul Pru – Fidene Valmelaina nel quale avevo toccato diversi punti. Oggi intendo chiarire certi passaggi di un argomento molto dibattuto e che – visto lo scalpore – dà lavoro ad alcuni comitati di quartiere, probabilmente prossimi candidati al Municipio.

Come tutti sanno, se un privato decide di costruire comprando un appezzamento di terra edificabile, deve fornire necessariamente delle opere a scomputo. E’ bene ricordare che non esiste comitato di quartiere che può opporsi ad una compravendita tra “palazzinari” (come sono stati definiti) e Comune. Se c’è qualcosa che può essere salvata dinanzi a tale impotenza, è appunto la possibilità di dare seguito a opere a scomputo che comprendono la costruzione di strade, della rete fognaria e di servizi pubblici.

L’intento del mio articolo descrittivo era quello di riportare la cronistoria del Pru e mettere i cittadini di fronte al fatto compiuto. Infatti mentre girava un referendum ufficioso tra i residenti, il presidente Bonelli ne fece arrivare uno a casa di ogni cittadino del quadrante di Piazza Minucciano in cui non si chiedeva se si poteva o no costruire ma se i cittadini preferivano il residenziale al commerciale. Tutto perché erano già passati 15 anni da quando il costruttore aveva ottenuto lo spazio retrostante la Piazza.

Proprio per questo si era riportata l’espressione: «Le tempistiche non si sono allungate, ma perse».

Se i cittadini possono avere qualche servizio, nonostante colate di cemento inevitabili, forse è meglio beneficiarne. Parliamoci chiaro: se Caltagirone o Mezzaroma vogliono costruire, non lo decidono adesso ma è da 20 anni che probabilmente hanno ottenuto il lotto e nessuno potrà opporsi.

Chi scrive per i giornali del Municipio non lo fa per soldi ma per l’amore che ha per il territorio, denunciando le ingiustizie e i crimini sociali. Il compito del giornalista si ferma qui: il resto spetta alle Istituzioni e i comitati di quartiere non fanno parte di questo elenco.

di Daniele Pellegrino

daniele.pellegrino@vocequattro.it

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.