(foto fonte web)
(foto fonte web)

Ernesto Lizza è uno sceneggiatore televisivo che si è imbarcato in un’impresa folle – portare sul grande schermo la storia d’amore tra Martin Heidegger e Hannah Arendt. Alla morte del padre, torna al paese natale vicino a Bologna per il funerale e lì, nella casa dove è cresciuto, è costretto a fare i conti con se stesso: gli errori, i compromessi, le delusioni professionali.

Al funerale Ernesto rivede, dopo molti anni, il temibile nonno Ettore. Conservatore fino al midollo, altero, testardo, Ettore chiede al nipote di ritrovare il vecchio amico Mario Barcellona, l’uomo che ha scavato un solco tra lui e il figlio. Figura leggendaria, negli anni settanta Mario Barcellona, ex partigiano, aveva acceso la passione politica nel padre di Ernesto, e poi era sparito, forse in Germania.

Ernesto coglie in quell’invito un nodo di passioni irrisolte, un silenzio misterioso, una furia che da un così lontano passato arriva a toccare, a muovere il suo flaccido presente, tutto avvitato intorno ad amori senza amore, e a un mondo – quello televisivo e cinematografico – di mortificante squallore. Senza avvisare nessuno, parte allora per Marburgo, dove Martin Heidegger e Hannah Arendt si erano conosciuti. E dove, guarda caso, si perdono le tracce di Mario Barcellona…

Martino Gozzi racconta, con maturo rigore, un viaggio dentro il passato, un viaggio verso l’Europa dell’Est, dentro le rovine di un mondo che esiste solo nella memoria di chi lo ha vissuto. Racconta di frontiere che si devono varcare, per poi tornare dove si è cominciato a essere figli, dove si comincia a essere uomini.

Martino Gozzi

casa editrice: La Feltrinelli

Info in
http://www.feltrinellieditore.it/SchedaLibro?id_volume=5100911&utm_source=newsletter_U_762&utm_medium=email&utm_content=4

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.