Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Minori, mass media e violenza




(foto fonte web)

(foto fonte web)

La società adulta può esercitare violenza sui minori in molti modi e, in una società sempre più mediatica e virtuale, la violenza sui minori può assumere il volto di chiunque.

La violenza verso un minore può avvenire anche attraverso i mezzi di comunicazione di massa e il loro utilizzo smodato e incontrollato. Questa forma di violenza, anche se non interviene in maniera “diretta”, ha effetti altrettanto forti e condizionanti lo sviluppo sano di un bambino.

Con l’espressione “mezzi di comunicazione” ci si riferisce alla Televisione, ai nuovi canali satellitari e del digitale terrestre, di conseguenza alla pubblicità e al suo forte potere suggestivo, alla  Stampa (quotidiani, riviste e servizi specialistici), ad Internet e alla sue enorme diffusione che ha caratterizzato questi ultimi anni.

Sviluppo, suggestionabilità e violenza

Quali sono gli effetti dei media sul bambino? E dunque, come prevenire l’eventuale disagio causato da un uso scorretto dei media?

Un bambino, fin dalle primissime fasi della sua vita, è un soggetto si dipendente dalla sue figure di accudimento, ma anche soggetto attivo e agente sull’ambiente che lo circonda e soprattutto è facilmente suggestionabile da quest’ultimo.

Prendiamo come esempio il forte potere esercitato dalla televisione. Fino all’età di 3 anni, il bambino non ha la capacità di interpretare le immagini televisive e percepisce televisore e immagini come un corpo totalizzante con difficoltà a distinguere tra le immagini televisive ed i loro referenti reali. Pertanto crede che ciò che vede siano oggetti reali e concreti. Quindi  si confonde.

Dai 3 anni e mezzo agli 8/9 anni il bambino, invece, realizza che le immagini televisive rappresentano una realtà diversa e assente, ma confonde la violenza vera o reale con quella televisiva ed è portato pertanto a produrre un atteggiamento emulativo, identificandosi in personaggi violenti, ed attuando un processo di deresponsabilizzazione. Ciò significa che egli, non è in grado di comprendere le conseguenze delle sue azioni e si desensibilizza di fronte a fenomeni di violenza efferata.



La violenza viene utilizzata come unica alternativa alla risoluzione dei conflitti. Durante l’ adolescenza il minore, è in grado di comprendere i messaggi subliminali poiché acquisisce le capacità critiche ed è in grado di esaminare l’informazione mediatica, ma l’esposizione a lungo termine al mezzo mediatico fa si che si sia instaurata una stereotipizzazione delle rappresentazioni e dei ruoli promuovendo  l’adesione a comportamenti conformisti.

(foto fonte web)

(foto fonte web)

Riflessioni

Alcuni bambini intervistati dopo il delitto di Cogne del 2002 hanno manifestato il timore di poter essere uccisi dalla propria madre.

Ma è opportuno anche porci la seguente domanda: Le angosce di questi bambini non sono forse il frutto di un rapporto conflittuale ed ambivalente con la propria figura di accudimento?

E ancora, potrebbe essere possibile che l’ informazione televisiva forse vada a stimolare un’angoscia preesistente in bambini che vivono in condizioni disagiate e di carenza di attenzioni e cure affettive?

Ricerche effettuate hanno dimostrato che, seppure la violenza televisiva stimoli l’emulazione di comportamenti aggressivi e delinquenziali, quei soggetti che li agiscono, possiedono caratteristiche psicologiche specifiche, già acquisite durante i primi anni di vita e che si manifestano a causa di rapporti intrafamigliari poco equilibrati. Fortunatamente, questi bambini rappresentano ancora una minoranza dei piccoli telespettatori.

Un numero, destinato ad aumentare? Probabilmente si, se i genitori continueranno a delegare in maniera sempre più drastica e selvaggia il loro mandato educativo e di cura e affetto verso i figli, ai mezzi mediatici e virtuali, senza attenzione a quello che accade al mondo interno ed emotivo del bambino.

La strategia vincente, attenzione però, non è proibire, bensì suggerire e promuovere un uso consapevole dei messaggi offerti dai media ed in particolare dalla rete e delle nuove tecnologie informatiche, rendendo proprio i bambini e gli adolescenti protagonisti di un attivo processo di crescita, sotto l’attenta guida di genitori ed insegnanti.

di Francesca De Rinaldis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *