(foto fonte web)

(foto fonte web)

(foto fonte web)
(foto fonte web)

 Prima puntata di Assassiniopedia

Gordon Stewart Northcott è un nome che forse ai più non dirà nulla. Anche la vicenda di cui si è reso protagonista è stata per quasi ottant’anni completamente coperta da polizia e stampa, e solo recentemente risalita alla ribalta come una delle più inquietanti e raccapricianti che abbiano mai interessato l’America.

Ma andiamo con ordine.

Tutto comincia il 10 marzo 1928, quando un bambino di nome Walter Collins, all’epoca 9 anni, scompare dalla sua casa di Los Angeles. La madre, Christine Collins, una donna nubile, ne denuncia subito alla polizia il rapimento. Cinque mesi più tardi, dopo lunghe e estenuanti ricerche che sembrano non portare a nulla, un bambino simile a Walter, e che afferma di essere lui, viene riconsegnato dalla polizia a Christine.

Al momento del ricongiungimento, la donna riconosce subito che quello che ha di fronte non è Walter, tuttavia, stordita dalla confusione tra fotografi e giornalisti e mossa da sentimento materno, accetta di prenderlo con sé. Non ci mette molto a realizzare che quel bambino riconsegnatole non è suo figlio: di conseguenza, cerca di persuadere il capitano della polizia a riprendere le ricerche.

In risposta alle sue richieste, e alla denuncia pubblica di quello scambio di identità, che accusava un sistema giudiziario corrotto molto più grande di lei, incapace di ammettere i propri errori e avido di popolarità, Christine viene tacciata di paranoia e infermità mentale, e internata in manicomio. Questo fino a che un investigatore per minori rintraccia un ragazzo, tale Sanford Clark, in un ranch abbandonato, il quale gli confessa che insieme a suo zio ha ucciso venti bambini senza motivo, tra i quali figura Walter.

E’ a questo punto che la tragedia personale di Christine Collins si viene ad intrecciare con quella di Gordon Stewart Northcott.

Northcott è passato alla storia per essere il responsabile del caso “Wineville Chicken Coop Murders”, vicenda che si è consumata tra il 1928 e il 1930, nella fattoria di Wineville, vicino a Riverside, una contea della California.

(foto fonte web)
(foto fonte web)

Il futuro serial killer G. S. Northcott nasce nel 1906 nella provincia di Saskatchewan, Canada, in una famiglia molto disagiata. Il padre, che finirà i suoi giorni internato in manicomio, cominciò ad abusare sessualmente di lui, sodomizzandolo, fin dall’età di 10 anni (per stessa ammissione di Northcott); la madre, complice col figlio degli omicidi compiuti nella fattoria di Wineville, finì invece i suoi giorni in galera. Anche ad uno degli zii paterni non toccò sorte migliore, visto che morì in prigione, a San Quentin, mentre scontava una detenzione a vita per omicidio.

All’età di 21 anni, Gordon e sua madre Sarah Louise Northcott si trasferirono nella fattoria di Wineville. Northcott inoltre prelevò, sotto il consenso del padre, il nipote tredicenne Sanford Clark dalla propria casa a Saskatchewan e lo portò con sé a Wineville. Una volta lì, cominciò ad abusarne.

Tempo dopo, nel 1928, Northcott cominciò ad allargare i suoi interessi. La sua macabra attività consisteva nel rapire bambini e nasconderli nel pollaio, sodomizzarli, torturarli, e poi, quando si stancava di averli tra i piedi, spappolare loro il cranio con un’accetta e seppellirli nella calce viva.

Nel 1930, Sanford Clark, stanco e disgustato delle continue persecuzioni dello zio, denunciò alla polizia il “pollaio del terrore”, riportando alla luce la vicenda di Christine Collins e suo figlio Walter. Alla fine, dopo un processo durato 27 giorni, Northcott venne arrestato e condannato a morte per l’omicidio di soli tre bambini. Fu impiccato il 2 ottobre 1930.

I verbali del processo di G.S. Northcott sono rimasti nascosti per più quasi ottant’anni, e con loro anche la storia di Christine Collins sembrava essere destinata a cadere nell’oblio, se non fosse stato per J. Michael Straczynski, ex giornalista statunitense ora sceneggiatore. Straczynski, grazie a un suo amico del Los Angeles Times che riorganizzava l’archivio del giornale, è riuscito per caso a ritrovare i verbali, già pronti per l’inceneritore, e venuto a conoscenza dei fatti, ha deciso di riportare alla luce la toccante vicenda della donna e rendere omaggio al suo spirito indipendente.

Il risultato di questo lavoro di ricerca è stato uno dei film più ambiziosi di Clint Eastwood, “Changeling” (2008), che alla sua uscita ha risvegliato una forte curiosità in blogger e giornalisti, tra cui il famoso Larry Harnisch, che si sono messi sulle tracce della vera Christine Collins, senza troppi risultati.

Ad oggi, l’archivio con tutta la fitta documentazione del caso è conservato negli uffici della Malpaso, la casa di produzione di Clint Eastwood a Los Angeles. Inoltre, la località di Wineville ha cambiato il suo nome in “Mira Loma”, per via dei fatti spiacevoli qui avvenuti e della cattiva pubblicità. “Wineville Avenue”, al contrario, si chiama tutt’ora così, e la piccola casa in legno in cui vissero Gordon Northcott e Standford Clark, è ancora esistente.

Il pollaio, invece, non esiste più.

di Chiara De Angelis

Facebook Comments