Blow Out




(foto fonte web)

(foto fonte web)

Un addetto al missaggio del suono assiste per caso ad un incidente d’auto nel quale perde la vita un senatore candidato alla presidenza degli Usa. O si tratta di omicidio?

Terzo thriller di Brian De Palma, uno dei più infelici. Sostanzialmente, un pastrocchio girato benissimo. Non mancano le belle invenzioni di regia (la lunga panoramica a 360° nel laboratorio, tutta la scena dell’incidente, ecc.), ma al servizio di cosa? Seguitando a scopiazzare impunemente Hitchcock (il solito “Psyco”, “La finestra sul cortile”, il tema dell’uomo comune coinvolto nel complotto), De Palma denota una mancanza di creatività e capacità di variazione difficilmente perdonabili per uno sceneggiatore; capirà ben presto di doversi affidare a scrittori provetti.



La storia è completamente da buttare: personaggi leggerissimi, motivazioni risibili, intreccio scricchiolante e farraginoso, non tanto lontano dal quasi omologo e omonimo “Blow-up” di Antonioni che però aveva almeno l’alibi di non voler essere un prodotto d’intrattenimento. Come thriller funziona solo nei primi venti minuti, il resto è più che altro un gioco interattivo nel quale lo spettatore più attento può divertirsi ad accumulare domande sulle incongruenze della trama.

Brian De Palma, 1981

Recensione di Giuseppe Pastore

http://cinema-scope.org/2007/03/29/blow-out-brian-de-palma-1981/



Social

Rispondi