Da ragazzina, per prendere in mano il potere e allontanarsi dall’autoritarismo a cui era abituata, ha iniziato ad andare a letto con tutti, rimanendo incinta a soli 14 anni e dando in adozione il suo bambino. La sua ribellione alla vita alla quale era costretta l’ha spinta a rifiutare di tornare a vivere con la madre, scegliendo una vita in strada, fatta di rapine, furti, spaccio di assegni falsi e prostituzione, entrando e uscendo di galera e cambiando costantemente identità.

Le sue storie d’amore, compreso un matrimonio con un uomo più anziano di lei, vanno a finire male e lei continua ad abbandonarsi ai reati, alle rapine e alla prostituzione, con un forte autolesionismo che la spinge costantemente a farsi del male, tanto da arrivare ad accoltellarsi allo stomaco da sola.
Una notte, in un locale gay, Aileen incontra Tyria Moore, cameriera di 26 anni, con cui intraprende una relazione e un convivenza, continuando a mantenersi facendo la prostituta.
Dalle rapine agli omicidi il passo è breve per questa donna così tormentata e disturbata. Il suo lavoro di prostituta la porta a conoscere tanti uomini, ma lei non molla la sua posizione contro il mondo maschile, iniziando ad utilizzare una pistola calibro 22, per assecondare il suo desiderio di morte.
La serial killer è arrivata a commettere ben 7 omicidi:

  1. 30 Novembre 1989: il suo primo omicidio. La donna torna a casa con la macchina della sua vittima e confessa subito alla sua compagna di aver ucciso un uomo. L’uomo in questione è Richard Mallory e il suo corpo viene ritrovato quindici giorni dopo in un bosco, in evidente stato di decomposizione. Un ritrovamento shock, per via delle condizioni del cadavere.
  2. 5 Maggio 1990: in Georgia, nella contea di Brooks, viene trovato un uomo ucciso con due colpi calibro 22, di cui non si è mai conosciuta l’identità. Aileen gli ha sparato senza indugi, con una freddezza estrema, e con la voglia di fargliela pagare solo perché uomo.
  3. Giugno 1990: in Florida, nella contea di Citrus, viene trovato il corpo di David Spears, ucciso con 6 colpi calibro 22. La furia omicida della Wuornos si è rivoltata contro questa terza vittima, che voleva vedere agonizzare al punto da sparargli ben 6 colpi.
  4. 6 Giugno 1990: nella contea di Pasco viene ritrovato Charles Carskadonn, ucciso con 9 colpi calibro 22. La sua macchina fu ritrovata qualche giorno dopo. I 6 colpi del precedente omicidio non erano abbastanza per Aileen, che questa volta ha voluto accanirsi con ancora più ferocia verso quell’uomo, uno dei tanti con cui era stata, uno dei tanti che secondo lei non meritava di vivere.
  5. 30 Luglio 1990: Eugene Burness sparisce dalla contea di Pasco. Il suo corpo viene ritrovato poco dopo, ucciso da due colpi calibro 22. La scia di sangue proseguiva, e la donna era sempre più soddisfatta dei suoi omicidi, tanto da riderci su.
  6. 11 Settembre 1990: Dick Humphreys, che lavora al Dipartimento per la salute e si occupa di controllare accuse di abuso sui minori, scompare. Viene trovato morto due giorni dopo, con i segni di 7 colpi calibro 22. Aileen lo ha ucciso senza pietà, senza un’apparente ragione, forse solo per assecondare la sua sete di sangue.
  7. 19 Ottobre 1990: viene ritrovato il corpo di Walter Gino Antonio, camionista, ucciso da 4 colpi calibro 22. L’ultima vittima, ma non per volere di questa spietta assassina, che sapeva usare abilmente la sua pistola, unica arma contro il mondo maschile.

Le indagini iniziano a farsi più serie e gli inquirenti capiscono che tutti questi omicidi sono collegati tra loro.
Viene elaborato il profilo del serial killer: donna, presumibilmente prostituta, che uccide all’interno delle automobili che poi si diverte a rubare, svuotare di ogni oggetto e abbandonare.

Facebook Comments

Pages: 1 2 3

Pages ( 2 of 3 ): « Previous1 2 3Next »